Skip to main content

Dato il tema importante e l’esperienza molto positiva del corso BLS nelle scuole, il Team di AD MELIUS ha voluto intervistare il nostro formatore Bernardo Bonzi, come approfondimento per la promozione della sicurezza negli istituti scolastici.
Il lavoro svolto da Bernardo Bonzi (infermiere professionale e nostro formatore), nelle scuole medie è parte di un’iniziativa più ampia che mira a creare consapevolezza e competenze nel primo soccorso fin da giovani età. Il corso BLS , o Basic Life Support, è progettato per insegnare ai giovani studenti le fondamentali tecniche di rianimazione cardiopolmonare.
Intervista a cura di Ivano Ogliari, titolare di AD MELIUS.

Perché l’esperienza nelle scuole è importante?

La necessità di iniziare l’educazione sul primo soccorso il prima possibile è per me un concetto fondamentale. L’insegnamento delle azioni del primo soccorso e del BLS è importante per preparare i giovani ad affrontare situazioni di emergenza. La capacità di gestire il panico e la paura in queste situazioni, può fare la differenza tra la vita e la morte. La conoscenza è quindi la chiave per rendere le persone libere e capaci di aiutare gli altri.
La conoscenza è l’unica ragione che conosco, che ci renderà liberi e ci renderà capaci di essere di aiuto alla persona che potrebbe trovarsi nella necessità di essere soccorsa.

Come è stato pensato il corso BLS nelle scuole?

Il corso BLS che avete ideato è incentrato sull’apprendimento pratico che ben si sposa con il mio modo di formare, facendo dell’esperienza diretta il fulcro di tutto il percorso. Gli studenti, infatti, imparano mettendo veramente in pratica le tecniche di rianimazione cardiopolmonare. Questo metodo mi permette di coinvolgere maggiormente i discenti, consentendo loro di assimilare le conoscenze in modo più efficace, rendendole una parte naturale del loro comportamento.
Mostrare e dimostrare sono più efficaci della semplice istruzione verbale.

Parto sempre dall’idea che se una cosa la spiego, la dimentichi. Se te la faccio vedere, la capisci. Ma se la provi la impari.

Quale è stata la risposta degli studenti al corso BLS?

Gli studenti hanno dimostrato un entusiasmo incredibile verso il corso BLS. A differenza degli adulti, che talvolta possono mettere ostacoli mentali, i giovani sono aperti e desiderosi di apprendere. Questo entusiasmo è incoraggiante e ci suggerisce che la formazione sul primo soccorso dovrebbe essere parte integrante dell’educazione dei giovani. L’apprendimento di tecniche come la disostruzione delle vie aeree e il massaggio cardiaco può migliorare la sicurezza di ciascun individuo.

Hai qualche riflessione?

Per me, l’importanza di insegnare il BLS risiede nella capacità di fare la differenza nella vita delle persone. Le azioni di primo soccorso possono essere cruciali in attesa dell’arrivo dell’ambulanza. La mia esperienza personale ha dimostrato che la preparazione e la prontezza salvano vite, e questa è la mia motivazione principale.

La differenza la fanno le persone che sono al nostro fianco e se queste persone sanno mettere in essere azioni semplici, ma nel nostro caso veramente significative che onorano e difendono la vita, possono fare veramente la differenza.

Questo articolo è un approfondimento del caso studio pubblicato in data 27 settembre 2023 “Case Study – Corso di Primo Soccorso per studenti dell’Istituto Comprensivo Primo Levi di Sergnano” vi invitiamo alla lettura.

Corsi di Formazione

Se sei interessato ai nostri corsi di formazione sulla sicurezza clicca il bottone qui sotto per contattarci

Compila il form e verrai ricontattato